La cucina è l’anima di un’abitazione e sia i clienti che i progettisti hanno come obiettivo quello di dare vita ad uno spazio quanto più accogliente e organizzato possibile. Il sogno di tutti è di avere un ambiente ampio e luminoso, in cui l’architetto racchiude tutte le funzionalità più moderne ed efficienti. Per questo trovarsi a dover arredare una cucina piccola potrebbe essere un problema. Le cucine con ampia superficie sono più facili da arredare, possono contenere una molteplicità di moduli e possono racchiudere le più belle composizioni di design. 

Ma non sempre si dispone dello spazio desiderato: a causa dei vincoli strutturali o della disposizione a volte non vantaggiosa di porte e finestre, gli ambienti possono essere davvero angusti. Non lasciare che questo ti scoraggi!

Con la giusta professionalità e creatività, una cucina piccola non rappresenterà una limitazione, piuttosto potrebbe rappresentare uno stimolo. Con un’attenta progettazione infatti è possibile dare vita a cucine abitabili e funzionali, che non faranno rimpiangere i volumi limitati.

10+1 consigli per arredare una cucina piccola abitabile e funzionale che possono aiutarti nell’intento:

1. Sfruttare ogni centimetro

Dopo un’attenta misurazione dell’ambiente, tenendo conto delle norme in materia di sicurezza e delle aperture come porte e finestre, è possibile progettare e arredare anche una cucina piccola, cercando di sfruttare ogni centimetro a disposizione. 

Sicuramente la scelta di una cucina su misura è la soluzione ottimale per sfruttare al meglio lo spazio a disposizione. La cucina su misura è flessibile e completamente modulabile, viene progettata sulla base dell’ambiente a disposizione e dei vincoli esistenti.

Per questa ragione permette di dare vita a delle realizzazioni del tutto personalizzate che soddisfano a pieno le esigenze di qualsiasi cliente. 

2. Gestire bene la luce

Una cucina luminosa sembra già più grande. Per arredare una cucina piccola e renderla abitabile e funzionale è fondamentale partire dallo studio della luce, sia naturale che artificiale. Entrambe sono importanti e sono in grado di enfatizzare i volumi e danno la percezione di uno spazio più ampio. Per svolgere le attività culinarie è importante avere un’ottima visibilità e la luce naturale è da preferire, ma quando non è sufficiente, specie di sera, per molti il momento che più dedicano alla preparazione dei cibi, è necessario predisporre una razionale illuminazione artificiale.

Le luci a sospensione sul piano lavoro sono utili e anche molto scenografiche, si adattano anche alle cucine piccole, purché esaltino lo stile dell’ambiente senza appesantirlo. I faretti a led sotto pensile sono molto utili per una corretta visione e con uno studio attento possono sottolineare e far risaltare i volumi.

3. Usare in modo intelligente colori e materiali

La cucina bianca o dai colori tenui è sempre presente nelle proposte dei grandi brand di arredamento. Perché questa tonalità permette di ampliare i volumi e far sembrare più grande la superficie della cucina. Saper sfruttare la luce consente di allargare visivamente l’ambiente, che subito diventa più vivibile e accogliente.

Tuttavia, in un open space la cucina bianca può risultare anonima e allora ben venga il colore! Una cucina piccola con un colore d’impatto sarà subito al centro della scena rendendo l’ambiente vivace e dinamico.

Anche la scelta dei materiali incide sulla percezione dell’ambiente cucina, per arredare una cucina piccola che sia abitabile ed accogliente, il consiglio è di scegliere materiali materici, che richiamano la natura e il suo calore, come il legno.

4. Sfruttare la superficie in verticale

Arredare le cucine piccole è inutile negarlo, è difficile, ma se sei un designer d’esperienza saprai che esistono stratagemmi utili per aiutarti a recuperare spazio anche dove sembra non esserci proprio.

Ad esempio, in una cucina piccola e stretta pensa di sfruttare le pareti in verticale, sviluppando l’arredamento in altezza. Questo permetterà di liberare spazio utile, per migliorare la fruizione della cucina. I moduli a tutta altezza sono molto capienti e in un open space è possibile coordinarli con lo stile del soggiorno per creare una continuità stilistica.

5. Ottieni il massimo dagli angoli

Nessuna superficie va sprecata, per questo nell’arredare una cucina piccola è necessario sfruttare anche gli angoli, creati dall’arredamento disposto su due o più pareti adiacenti. La composizione ad angolo permette di organizzare in modo funzionale la cucina distribuendo in modo razionale l’arredamento e le attività che si svolgono in questo ambiente. Lo spazio dell’angolo è poi molto prezioso, in particolare quando i volumi sono limitati, vi si può inserire un capiente modulo con cestelli estraibili, molto utili e funzionali. 

Posizionare la cucina a ferro di cavallo inoltre, permette di ottimizzare l’organizzazione delle attività di preparazione e lavaggio e riduce al minimo indispensabile gli spostamenti. È un’ottima disposizione per dare alla cucina lo spazio che merita, anche con metrature scarse e consente di avere tutto a portata di mano.

6. Utilizzare soluzioni salvaspazio

Quando lo spazio manca, per arredare una cucina piccola in modo funzionale è necessario adottare delle soluzioni salvaspazio. Sono risposte intelligenti a richieste talvolta difficili, poste dai clienti, che hanno esigenza di coniugare design e scarsa metratura.

Le composizioni multifunzione consentono di avere tutto anche in poco spazio: racchiudono molteplici funzioni e consentono in questo modo di ottimizzare la superficie a disposizione. Una delle più utilizzate è la penisola, appendice sospesa dell’arredamento che allunga lo spazio di lavoro e il piano d’appoggio, ma che si trasforma in bancone per la colazione o in tavolo per un pasto informale. La penisola è spesso protagonista degli open space moderni, è infatti utilizzata per delimitare il confine tra l’ambiente cucina e il living. Una soluzione che separa ma in grado di mantenere una continuità visiva. 

Se la casa è piccola e la cucina abitabile ha poco spazio, potresti proporre un tavolo estraibile da aprire in caso di necessità. Perfetto anche per accogliere ospiti imprevisti. 

Le soluzioni ad incasso sono un modo molto utilizzato per recuperare spazio: inserire gli elettrodomestici all’interno dei moduli della cucina consente di avere un ambiente in continuità visiva e stilistica con il resto della casa, dando già ad un primo sguardo la sensazione di un ambiente più ampio. 

Una soluzione davvero moderna e di design che si adatti anche alle cucine piccole? La cappa che scompare nel piano cottura. Oggi il mercato offre numerosi modelli di piani cottura ad induzione con la la cappa integrata, questo permette di utilizzare lo spazio recuperato per inserire un pensile o una mensola a giorno.

Come progettare la cucina su misura

7. Stile minimal

Una soluzione esteticamente gradevole ma anche funzionale è quella di riporre gli oggetti a vista. Una tendenza che rispecchia lo stile scandinavo e funziona molto bene nelle cucine piccole, purché sia fatto con attenzione. Infatti ciò non significa mettere tutto quello che si possiede in vista, ma disporre in modo ordinato gli attrezzi della cucina alternati ad elementi d’arredo. 

È il caso delle mensole o degli scaffali a giorno, che con uno stile minimal consentono di dare leggerezza e ampio respiro anche alla cucina più piccola. È importante avere un equilibrio espositivo per non rischiare di sovraccaricare l’ambiente. Ricorda sempre che la pulizia delle linee e l’ordine danno subito la sensazione di un ambiente più ampio.

8. Utilizzare in modo razionale anche lo spazio all’interno dei mobili contenitori

Per semplificare la vita in cucina, alcuni modelli di cucine moderne e artigianali propongono soluzioni pratiche ai propri clienti, che permettono di sfruttare tutto lo spazio a disposizione, anche se è particolarmente limitato. Anche le altezze delle colonne e dei pensili possono essere sfruttate al massimo, con degli elementi modulari personalizzabili. È possibile infatti avere dei ripiani supplementari completamente estraibili, per contenere tutta la dispensa e permettere di raggiungere ogni oggetto con facilità.

9. Dotare le basi e le colonne di cestelli interni con moduli pratici ed estraibili

Chi ha a disposizione una cucina piccola, per arredarla al meglio deve pensare di sfruttare ogni spazio. Molto utili a questo scopo sono le innumerevoli tipologie di cestelli e attrezzature interne che vengono proposte oggi dal mercato. 

Progettare attentamente una cucina su misura, significa pensare ad un sistema di binari e di cestelli estraibili, che permettano di contenere tanti oggetti e di raggiungerli con facilità. I meccanismi a tutta altezza, che sono inseribili all’interno delle colonne della cucina, sono dotati di strutture totalmente estraibili, con binari in grado di moltiplicare lo spazio a disposizione e capaci di ottimizzare ogni centimetro che un tempo sarebbe andato sprecato.

10. Sfruttare l’isola

L’isola è il sogno di ogni cliente che commissiona la progettazione della propria cucina. Tuttavia, non tutti possono permettersela, a causa del suo ingombro. Anche per questo quando ti trovi a dover arredare una cucina piccola, sai già che sarà difficile accontentarli.

Difficile ma non impossibile. Una cucina su misura consente un’ampia personalizzazione che permette di organizzare gli spazi al meglio. Con un’attenta progettazione e sistemazione degli impianti, è possibile concentrare sull’isola il piano cottura e il lavello per liberare spazio nel resto della cucina e permettere una disposizione moderna e funzionale delle aree di lavoro. Con l’aggiunta di alcuni sgabelli inoltre, l’isola si trasforma in comodo tavolo bar per consumare la colazione, una cena veloce o un aperitivo. 

La parte inferiore dell’isola è un concentrato di spazio, da sfruttare al massimo grazie all’inserimento di basi con ripiani e cestoni. Sia nella parte rivolta verso la cucina, che nella parte rivolta verso il living. Questo permette di ottenere più spazio mantenendo tutto a portata di mano.

11. Basi sospese

Una cucina con mobili sospesi consente di creare continuità con il soggiorno, utile soprattutto quando ti trovi ad arredare una piccola cucina all’interno di un open space. Oltre ad alleggerire l’ambiente consente un’ampia personalizzazione al cliente, che potrà inserire elementi personalizzati anche in futuro, per ottimizzare lo spazio a seconda delle necessità. Le basi sospese inoltre, non avendo lo zoccolo, permettono una più facile pulizia e sono adatte al riscaldamento a pavimento, perché permettono al calore di diffondersi senza ostacoli.

Progettare una cucina piccola è uno stimolo per la tua creatività

Arredare una cucina piccola che sia abitabile e funzionale potrebbe rappresentare un problema nella progettazione, ma non dovresti lasciare che diventi un problema insuperabile. Non è la superficie in sé che conta, ma in che modo riesci a sfruttarla, in che modo organizzi gli spazi a disposizione. Per farlo devi fare affidamento su esperienza, professionalità e capacità di personalizzazione, tutte cose che solo una cucina su misura di qualità ti può assicurare.

Pittori: cucine di design su misura

Lascia un commento