La cucina è lo spazio di condivisione della vita quotidiana, dove ci si incontra ad inizio o a fine giornata, in cui si trascorre tempo insieme, mangiando e chiacchierando. Ma non bisogna dimenticare che si tratta del luogo più tecnico e vissuto della casa: ogni sua parte va studiata nei minimi dettagli. I materiali che la compongono devono essere di prima qualità per resistere all’uso intensivo che i tuoi clienti ne potrebbero fare.

Qualcuno pensa che progettare una cucina di design significhi pensare ad un ambiente alla moda, bello e poco funzionale. Tutt’altro! La progettazione di questo spazio altamente tecnico, ha bisogno di grande cura e studio e non può essere solo la moda del momento a dettare una scelta così importante.

Le esigenze dei clienti sono cambiate nel tempo e la cucina moderna è un ambiente altamente efficiente dove trovano spazio i materiali più innovativi e gli elettrodomestici più all’avanguardia. Ma senza perdere di vista l’eleganza e la ricercatezza che rendono una cucina l’espressione dello stile di tutta la casa e di chi la abita.

Eleganza nella cucina moderna

Eleganza è un concetto che si adatta non solo alle cucine tradizionali, dallo stile classico, ma si addice perfettamente anche alle cucine moderne, con il loro stile semplice, le linee pulite ed essenziali, che si fondono con lo stile dell’abitazione.

Nella progettazione la luce svolge un ruolo fondamentale, sia essa naturale o artificiale. Saper sfruttare la luminosità intrinseca della stanza, renderà l’ambiente accogliente e permetterà di esaltare i volumi e gli spazi. Una corretta sistemazione dell’illuminazione artificiale contribuirà a rendere l’ambiente più sofisticato e creare la giusta atmosfera.

Personalizzazione

I materiali e le finiture di pregio sono fondamentali per dare uno stile raffinato all’ambiente più vissuto della casa. Uno dei pregi maggiormente apprezzati della cucina moderna è la sua ampia personalizzazione: è possibile proporre ai propri clienti diverse tipologie di cucina a seconda dello spazio a disposizione, dei gusti, sempre tenendo conto delle moderne tecnologie di costruzione e dei trend più contemporanei.

Le cucine moderne si dividono in 3 principali tipologie compositive.

1 Cucina lineare

E’ molto elegante e funzionale perché sfrutta tutta la superficie di una parete lineare. È una disposizione sobria ed essenziale, pratica soprattutto se si predispongono pensili ed elettrodomestici da incasso, utili per dare senso di continuità, leggerezza e ordine. Questa tipologia di cucina non richiede troppa progettazione e la personalizzazione si esprime nella scelta dei materiali, nelle finiture dei mobili e nei colori che possono essere abbinati o combinati a contrasto.

2 Cucina ad angolo

E’ molto elegante e funzionale perché sfrutta tutta la superficie di una parete lineare. È una disposizione sobria ed essenziale, pratica soprattutto se si predispongono pensili ed elettrodomestici da incasso, utili per dare senso di continuità, leggerezza e ordine. Questa tipologia di cucina non richiede troppa progettazione e la personalizzazione si esprime nella scelta dei materiali, nelle finiture dei mobili e nei colori che possono essere abbinati o combinati a contrasto.

3 Cucina ad isola o penisola

La disposizione più richiesta dai clienti che vogliono realizzare una cucina moderna è quella che prevede una penisola o un’isola. La penisola è un piano parzialmente attaccato al resto dell’arredamento, può essere lasciata libera e, corredata di sgabelli in stile american bar, essere utilizzata come tavolo per pasti veloci o per la colazione.

Può essere attrezzata con dei contenitori capienti, vi può essere incassato il lavello o il piano cottura con annessa cappa. È una disposizione molto funzionale perché permette di liberare spazio sul piano di lavoro.

L’isola è ancor più scenografica, è una parte di piano completamente staccata dal resto della cucina e posta al centro della scena. Di solito vi si colloca il lavello o meglio ancora il piano cottura con una cappa di design, in questo modo chi cucina è rivolto verso il resto della casa e può interagire mentre svolge le attività culinarie.

Entrambe sono soluzioni perfette per creare un piano d’appoggio supplementare e per creare un prolungamento della cucina verso il soggiorno. In particolare se si sta pensando di realizzare un open space e si ha un’ampia superficie a disposizione, l’isola o la penisola sapranno rendere la cucina ancora più protagonista.

Funzionalità

Per realizzare una cucina moderna occorre soprattutto creare un ambiente funzionale alla vita dei suoi abitanti. È dunque importante prestare molta attenzione all’ergonomia della cucina e rendere lo spazio fruibile in modo semplice e razionale, con particolare riguardo alla qualità e praticità dei suoi componenti.

Progettare una cucina moderna significa scegliere tra tante proposte di design, quella che più si adatta alle esigenze di clienti sempre più esigenti e attenti alle novità. Il grande vantaggio delle cucine contemporanee è l’ampia personalizzazione che permette al progettista di esprimere la propria creatività.

Le tante innovazioni presenti sul mercato consentono di sfruttare ogni centimetro a disposizione. Le colonne attrezzate sono un’ottima soluzione per riporre i piccoli elettrodomestici, in questo modo saranno sempre a portata di mano ma nascosti alla vista. Con elementi multifunzionali e intelligenti, come i tavoli supplementari a scomparsa, si ha un piano d’appoggio in più da estrarre solo all’occorrenza e da tenere nascosto quando non serve.

Sono solo esempi di soluzioni intelligenti e pratiche che migliorano l’ergonomia perché occupano poco spazio, si integrano con l’ambiente e si ripongono quando non servono, potendo essere inseriti anche in cucine di piccole metrature.

La funzionalità di una cucina moderna si esprime anche nella ricerca di materiali sempre più performanti e di elettrodomestici sempre più all’avanguardia. Che i tuoi clienti amino o meno stare ai fornelli, la cucina moderna deve poter resistere alla vita frenetica di tutti i giorni.

I top e il mobilio della cucina devono essere sì belli esteticamente, per assecondare le esigenze di clienti perfezionisti, ma anche resistenti e facili da pulire, per sopportare le varie attività connesse alla preparazione del cibo.

Servono perciò materiali resistenti e durevoli capaci di resistere al calore, all’umidità, agli urti e alle continue sollecitazioni, quindi quando ci si trova a progettare una cucina moderna occorre investire nella qualità dei suoi componenti, a partire dai suoi elementi strutturali più significativi:

  • I materiali della struttura, i frontali
  • I materiali dei top
  • Apertura con maniglia o con gola
  • La ferramenta
  • Gli elettrodomestici

I materiali della struttura

La struttura delle cucine economiche è in gran parte realizzata con materiali di bassa qualità, soggetti all’usura e al deterioramento. Per le strutture è sicuramente un’ottima scelta optare per dei materiali di qualità che siano idrorepellenti e con basse emissioni di formaldeide.

I materiali dei frontali

I materiali più utilizzate per le ante delle cucine sono:

  • Legno impiallacciato: il legno è un materiale di pregio, dedicato a chi ama uno stile solido e tradizionale; dispone di molte finiture e venature.
  • Il laccato lucido o opaco. È uno dei materiali più diffusi, per le tante possibilità di personalizzazione, la sua facilità di pulizia e la sua resistenza.
  • Il laminato. Materiale molto presente nelle cucine di fascia medio-bassa, per la sua praticità ad un prezzo vantaggioso. È un materiale robusto per i frontali, capace di resistere alle macchie e anche pratico da pulire. Richiede bordature ai lati ma questo non scongiura il rischio di scollature e scheggiature con il passare del tempo.
  • Il vetro. Le ante in vetro donano estrema leggerezza e luminosità all’ambiente. Sono particolarmente indicate per gli spazi esigui e con poca luce. Di facile manutenzione e in grado di abbinarsi ad ogni colore e stile, il vetro è un materiale molto resistente e quello usato in cucina è molto sicuro, perché in caso di rottura si frantuma in tanti pezzi non taglienti.

I materiali dei top

La qualità dei materiali di cui si compongono i top sono tra i primi fattori che determinano il prezzo finale. Devono essere pratici e resistenti, ma devono anche essere belli esteticamente, perché sono il perfezionamento della cucina e ne definiscono lo stile. La scelta del materiale dipende dal progetto finale e dai gusti del cliente.

Questi sono i materiali più utilizzati:

  • Il quarzo, una delle scelte preferite per la cucina moderna di fascia alta. È un materiale estremamente resistente, liscio, non poroso e sempre elegante, di facile manutenzione e igienico.

 

  • Il marmo e il granito sono pietre naturali pregiate, che grazie al loro aspetto materico danno un senso di calore alla cucina. Il marmo è più delicato, si può rompere o rigare più facilmente e ha bisogno di più cura del granito, soprattutto per mantenere il suo aspetto lucido. Entrambi però richiedono più attenzione e manutenzione del quarzo.

 

  • Il laminato, resistente agli urti, declinabile in tante tonalità e finiture e molto utilizzato nelle cucine di qualità medio-bassa. È purtroppo sensibile al calore e all’acqua e appoggiare una pentola rovente può rovinarlo irrimediabilmente. Anche il ristagno d’acqua può provocare dei rigonfiamenti antiestetici.

 

  • L’acciaio è di sicuro un materiale molto resistente e igienico, che mantiene il suo aspetto nel tempo e si sposa perfettamente con una cucina industrial style; dà subito un aspetto professionale e contemporaneo alla cucina, ma i detrattori lo trovano un po’ freddo e tendente a macchiarsi con il calcare.

 

  • Il dekton è uno dei materiali più all’avanguardia, funzionale, versatile e inattacabile da sporco, graffi, calore, acqua e agenti aggressivi o acidi. La pulizia delle linee e la raffinatezza delle sue finiture conferiscono alla cucina uno stile ricercato, sia che si scelga di progettare il top in continuità con il resto dell’ambiente o che si scelga di far risaltare il piano lavoro accostando diversi colori ed effetti.

Apertura con maniglia o con gola

Se ad un primo approccio potrebbe apparire una scelta stilistica dettata dalla moda, in realtà la scelta di ante con o senza maniglia è un aspetto in grado di denotare lo stile dell’intera cucina.

Chi sceglie le maniglie vuole fornire un punto su cui focalizzare lo sguardo e dovrà porre attenzione al materiale di cui sono composte, alla forma, alla dimensione e al colore. A seconda dell’effetto che si vuole ottenere potranno essere minimal e in tinta con le ante a contrasto, diventando protagoniste della scena.

L’utilizzo della gola consente di non perdere la continuità della superficie e la visione d’insieme è omogenea. Molti progetti includono proprio l’utilizzo della gola come scelta di design nella nuova concezione di cucina moderna.

Che si tratti di apertura con maniglia o con gola bisogna sempre ricordare che entrambe devono garantire una buona presa e finiture resistenti, per durare a lungo.

La ferramenta

Un errore molto comune nel progettare una cucina moderna, è non prestare la giusta attenzione alla ferramenta e ai meccanismi di apertura di ante, cassetti e pensili.

Le cerniere, i braccetti e le guide vengono continuamente sollecitati, se di scarsa qualità si possono usurare facilmente mentre dovrebbero essere in grado di sopportare carichi pesanti e un numero elevato di cicli. Movimenti fluidi e scorrevoli dei cassetti e delle ante, nonché la facilità di apertura e chiusura, semplificano le attività in cucina più di quanto possa sembrare.

Gli elettrodomestici

Che siano a vista o ad incasso, devono essere di qualità e offrire un buon risparmio energetico. Nella progettazione di cucine moderne spesso vengono inseriti forni hi-tech e piani cottura ad induzione che non solo sono molto scenografici, ma sono anche altamente efficienti e consentono un notevole risparmio di tempo ed energia per la preparazione dei cibi.

Gli elettrodomestici ad incasso sono particolarmente indicati in caso di cucina lineare o a vista sul soggiorno, perché danno un senso di continuità con l’arredamento, tuttavia a volte può essere più difficoltoso cambiarli in caso di guasti.

Sul mercato sono disponibili elettrodomestici a libera installazione di grande design in grado da soli di dare carattere alla cucina. È spesso una questione stilistica dettata dal gusto del cliente, l’importante è che siano in grado di integrarsi allo stile della cucina e della casa in generale, soprattutto se si tratta di un open space.

Per concludere

In conclusione i fattori da considerare nella progettazione di una cucina moderna sono tanti e dovrai tenere conto anche di altri importanti elementi capaci di dar vita ad un ambiente ancora più funzionale.

Ti troverai a dover consigliare tra ante con o senza maniglie, elettrodomestici ad incasso o a vista, tra una composizione con pensili chiusi o mensole a giorno e ancora tra mobili con zoccolo o elementi sospesi.

Sono sicuramente anche scelte di design, dettate dai trend del momento e che denoteranno uno stile e una personalità ben definiti, nonché delle preferenze di utilizzo da parte del cliente.

Nella progettazione di una cucina moderna è molto importante scegliere un prodotto di qualità e completamente customizzabile nelle forme, nei colori, nei materiali e nelle combinazioni possibili. Sono queste le caratteristiche che ti permettono di esaudire le richieste dei clienti più esigenti e di trasformare il tuo progetto di cucina in qualcosa di unico e inimitabile.

Come progettare la cucina su misura

Lascia un commento