La scelta del piano cucina è fondamentale nella progettazione della cucina, perché ne è il completamento stilistico. In particolare nelle abitazioni moderne, in cui cucina e soggiorno dialogano direttamente, il top è al centro dell’attenzione, spesso protagonista di isole e penisole. Il suo stile conferisce design e carattere a tutto l’ambiente e per essere sicuri di scegliere i migliori materiali per i top cucine, le variabili da considerare sono molteplici.

Raggiungere il giusto equilibrio tra estetica e funzionalità può non sembrare semplice, essendo un componente a vista della cucina l’estetica è importante, per completare al meglio l’arredamento il top deve essere bello e capace di mantenere il suo aspetto per molto tempo, anche se sottoposto alle varie attività culinarie.

In un ambiente altamente tecnico come la cucina il piano verrà sottoposto all’azione di acqua, detersivi, agenti acidi, ed è probabile che vi si poseranno pentole calde, oggetti pesanti e si useranno oggetti taglienti. Tutte azioni apparentemente innocue, ma che rischiano di danneggiare anche irreparabilmente questo componente e conoscere i migliori materiali per i top cucine, ti consentirà di offrire ai tuoi clienti un prodotto di qualità e duraturo.

Come deve essere un top cucina di qualità

Il top deve essere pratico, facile da pulire e da tenere pulito, per dare libertà d’azione e movimento a chi la vive quotidianamente la cucina. Il taglio degli alimenti senza un apposito tagliere, il semplice appoggiare una pentola calda, senza utilizzare un sottopentola a protezione, il contatto con acqua o agenti chimici aggressivi o gli schizzi di elementi acidi come il limone, il pomodoro o l’aceto, rientrano in quelle attività quotidiane che possono danneggiare la bellezza di un piano lavoro.

La scelta del materiale non va quindi sottovalutata, il cliente va informato sui migliori materiali per i top cucine disponibili sul mercato, per permettergli di fare una scelta adatta alle sue esigenze e alle sue possibilità di spesa.

Spesso i clienti che si apprestano ad acquistare una cucina restano disorientati dalle tante opzioni disponibili sul mercato e si rivolgono a rivenditori e progettisti per comprendere quali sono i migliori materiali per i top cucine.
In commercio le proposte sono innumerevoli, è possibile scegliere tra tanti colori effetti e finiture, ma è il materiale di cui è composto il piano di lavoro a fare la davvero la differenza.

Difficile capire a priori se preferire un piano lavoro economico ma pratico, o un top bellissimo, ma che necessita di cure e manutenzione. I clienti vanno informati sulle proprietà e i vantaggi dei vari materiali poi, in base alle loro esigenze, guidati nella scelta migliore per loro.

Ricorda che il piano cucina non è un dettaglio, ma il protagonista della cucina.

I produttori sono sempre alla ricerca dei materiali più tecnologici e innovativi che sappiano garantire qualità, durevolezza e resa estetica ai massimi livelli possibili e in commercio esistono alcuni top realizzati con i migliori materiali che riescono a garantire qualità, durevolezza e praticità anche a fronte di un uso intensivo e talvolta spregiudicato. Un materiale di scarsa qualità potrebbe far risparmiare in un primo momento, ma con l’andare del tempo potrebbe far emergere problematiche come lo scolorimento o la comparsa di macchie indelebili, perfino i rigonfiamenti in prossimità delle giunture.

Quali sono i migliori materiali per i top cucine

Non esiste il materiale perfetto per tutti i clienti. Ognuno ha le proprie esigenze e le proprie preferenze estetiche, per questo alcuni preferiscono le pietre naturali, mentre altri scelgono il laminato.

Ogni materiale ha proprietà e vantaggi, ma solo alcuni possono garantire una incorruttibilità e una stabilità estetica nel tempo, anche di fronte alle attività più intensive. Vediamo insieme quali sono i migliori materiali disponibili per realizzare i top cucine.

1 – Laminato

Si tratta di un materiale molto versatile esteticamente, in grado di replicare esteticamente anche materiali più pregiati. Tra i suoi vantaggi c’è senza dubbio il prezzo, infatti è un materiale economico, davvero conveniente rispetto agli altri top, inoltre è molto resistente a graffi e urti.

È resistente alle macchie, è di facile pulizia e richiede pochissima manutenzione. È possibile realizzarlo in tanti colori e finiture, così da adattarsi allo stile della cucina, tuttavia è molto sensibile al calore e allo scolorimento dovuto ai raggi del sole, inoltre è suscettibile ad infiltrazioni d’acqua e vapore in prossimità delle giunzioni.

Per questo, nonostante le sue innegabili qualità, non è possibile includerlo tra i migliori materiali per i top cucine.

2 – Laminato HPL

La ricerca di nuove soluzioni funzionali per la cucina ha dato vita a materiali innovativi, come il laminato stratificato HPL (ad alta pressione), un’evoluzione del più comune laminato, in grado di soddisfare le richieste sempre più esigenti di stile e funzionalità.

Si tratta di un laminato composto da strati di fibre di cellulosa unito a resine termoindurenti, che sottoposti ad un applicazione simultanea di pressione e calore, danno vita ad un materiale non poroso, omogeneo e a cui è possibile conferire la finitura superficiale richiesta dal cliente.

Questo procedimento tecnologico lo rende un materiale resistente, sia all’acqua che al calore, cosa che il laminato standard non è in grado di assicurare, ed è anche piacevole al tatto, grazie alla sua setosità.

3 – Pietre naturali: marmo e granito

Per chi ama la forza espressiva delle pietre naturali e vuole dare un tocco elegante e materico alla propria cucina, il granito e il marmo sono tra i migliori materiali per i top cucine.

Il granito

Un materiale duraturo e resistente, da sempre sinonimo di forza e capace di conferire carattere alle cucine in cui è inserito. È una pietra naturale, quindi manifesta una certa porosità, ma è capace di resistere agli acidi meglio del marmo, ha una maggiore capacità di resistere agli urti e di mantenere il proprio aspetto immutato nel tempo.

Il marmo

E il materiale scelto da chi vuole realizzare una cucina di pregio e che sappia resistere alle mode del momento. Il marmo grazie alle sue venature tipiche e irripetibili è in grado di impreziosire ogni spazio e conferisce alla cucina un’eleganza senza tempo, più di ogni altro materiale. È disponibile in tantissime varianti di colore e finiture, per adattarsi ad ogni gusto ed esigenza di stile.

Da sempre utilizzato nelle cucine di lusso, garantisce anche una superficie altamente igienica, in cui poter cucinare con tranquillità, ma sempre con una certa attenzione. Il marmo è più delicato rispetto al granito, un urto troppo violento potrebbe causare la rottura della lastra di marmo e agenti chimici o sostanze acide possono macchiarlo. Nelle cucine di qualità viene applicato un prodotto protettivo per renderlo impermeabile, ma la sua natura porosa lo mette comunque a rischio di infiltrazioni.

Resta sempre uno dei migliori materiali per i top cucine sia in stile classico che moderno, proprio per il suo stile intramontabile e con la dovuta attenzione è possibile far durare il top in marmo tantissimi anni.

4 – Quarzo

Il quarzo è uno dei minerali più preziosi presenti in natura nonché uno dei migliori materiali per i top cucine.

Per i piani si parla di agglomerati di quarzo, in quanto sono materiali costituiti da circa il 95% di quarzo naturale con l’aggiunta di componenti come vetro, pigmenti colorati o resine per migliorarne la resa estetica e la durevolezza. Il risultato è un top dalle texture brillanti e uniche, un piano liscio e non poroso, quindi impermeabile ai liquidi, altamente igienico e antibatterico. È un materiale performante e capace di durare nel tempo, perché molto resistente alle sollecitazioni quotidiane, alle macchie, agli acidi e alle abrasioni, inoltre è di facile manutenzione e non necessita di eccessiva cura. Va fatta attenzione tuttavia alle pentole bollenti, perché il quarzo non è estremamente resistente al calore: posizionare una pentola appena tolta dal fuoco sul piano, senza le dovute precauzioni potrebbe segnarlo irrimediabilmente o anche romperlo.

È un materiale molto utilizzato nelle composizioni di cucine moderne, per la grande scelta di colorazioni e finiture che consente di realizzare cucine di design dal grande valore estetico, ma anche funzionali e durature al tempo stesso. Consente una grande personalizzazione, nonché la realizzazione di lavelli integrati, anche se la soluzione di lavello sotto-top è da preferire.

5 – Acciaio

Le proprietà igieniche di questo materiale lo rendono particolarmente adatto per l’utilizzo in cucina, per questo è considerato tra i migliori materiali per i top cucine. Ha una vita pressoché infinita, una grande resistenza agli urti ed è molto facile da pulire, alcuni tipi di acciaio sono soggetti a graffi e macchie di calcare, ma con un po’ di attenzione e prodotti appositi, l’acciaio sarà luminoso e brillante come il primo giorno. È molto utilizzato nelle cucine moderne, per il look minimal che conferisce alla cucina, nonché nelle cucine professionali per le sue qualità igieniche e di grande praticità. Tuttavia i detrattori considerano l’acciaio freddo e poco innovativo.

6 – Corian

Il Corian è composto da resine duttili e facili da lavorare, in grado di dare vita a prodotti privi di giunture, che non solo sono antiestetiche in un ambiente moderno, ma potrebbero essere un ricettacolo di germi e sporco. È uno dei migliori materiali per i top cucine, ma trova largo impiego anche in bagni di lusso e per la realizzazione di complementi d’arredo di design. Ha una vita lunghissima ed è molto resistente alle attività culinarie più pesanti. Di grande bellezza estetica, il Corian viene spesso utilizzato per realizzare penisole e isole in continuità con il piano cucina, ma anche lavelli integrati al top, per conferire gusto e design alle cucine moderne. Tra le sue peculiarità ci sono la possibilità di realizzare anche piani di lavoro curvi, dando vita a cucine altamente personalizzate e creative e la possibilità di ripristinare piccole abrasioni o graffi direttamente in loco, senza smontaggio.

Si tratta di un materiale davvero resistente e rappresenta una scelta all’avanguardia nell’arredamento cucine, tuttavia se i tuoi clienti sono orientati alla scelta del Corian, suggerisci loro di fare comunque discreta attenzione alle fonti di calore elevato, come pentole appena tolte dal fuoco o ferri da stiro.

7 – Dekton

Il Dekton è frutto della continua ricerca e innovazione del settore dell’arredamento, si tratta di un agglomerato di materiali naturali come vetro, ceramica e quarzo. È l’ideale anche per un uso intenso dei piani lavoro, perché è in grado di resistere a graffi, urti, abrasioni, fuoco e calore, macchie di agenti chimici e acidi.

Al momento non solo è tra i migliori materiali per i top cucine, garantito anche contro lo shock termico.

È un prodotto in grado di offrire una superficie liscia, non porosa, dall’elevato valore estetico, piacevole al tatto e, con le sue lastre di grande formato e disponibili in diversi spessori, è possibile rivestire grandi superfici senza giunture. Perfetto per le cucine moderne perché permette la realizzazione di cucine con lavello integrato nel top, ideale per chi ama la pulizia delle linee e la continuità visiva di questa soluzione stilistica. Disponibile in tantissimi colori e finiture, alcune in grado di replicare le venature del marmo o il metallo ossidato.

8 – Laminam

Il Laminam è un materiale all’avanguardia in grado garantire un piano di lavoro resistente ad ogni tipo di stress meccanico, ma anche incredibilmente bello da vedere. Si tratta di una lastra ceramica in grande formato, 1000x3000mm, disponibile in molteplici colorazioni e realizzabili in diversi spessori e profili per adattarsi ad ogni contesto ed arredamento.

I vantaggi di un piano in Laminam sono essenzialmente il design, davvero elegante e ricercato, abbinato a caratteristiche qualitative impareggiabili:

  • è resistente al gelo e al caldo;
  • è facile da pulire, sono sufficienti acqua calda e detergenti neutri;
  • non teme agenti aggressivi come anticalcare o sgrassatori;
  • è inattaccabile da agenti acidi come limone e aceto o alimenti colorati come vino e caffè;
  • la sua superficie non porosa lo rende impermeabile all’acqua (assorbimento d’acqua 0,1% valore medio) e inattaccabile da funghi e muffe;
  • la sua superficie è altamente igienica è idonea al contatto con alimenti;
  • è molto resistente ai raggi UV e mantiene aspetto e colore stabili nel tempo;
  • è resistente alla flessione nonché a graffi e abrasioni.

La cucina nelle abitazioni moderne è il cuore della casa e il top non è più solamente il piano in cui svolgere le attività culinarie, ma rappresenta piuttosto il completamento della cucina, lo spazio in cui dialoga e si congiunge con il soggiorno. Conoscere i migliori materiali per i top cucine, permette di orientare i propri clienti verso la scelta più giusta per le loro abitudini ed esigenze.

Pittori: cucine di design su misura

Lascia un commento